Il Milan e la scaramanzia

Durante la sfida con i nerazzurri la maggior parte della squadra e gli ultrà della Curva Sud ha lasciato il Meazza in tempi rapidi

Domenica prossima il Milan farà ritorno nella sua città dopo aver affrontato il bivio più cruciale dell’anno: sarà festa o tragedia? Se non altro, a differenza di quanto sarebbe potuto accadere ieri, la contemporaneità di Inter-Sampdoria darà subito chiarezza allo scoccare della conclusione del match. Nel caso dello scudetto, sarà festa grande in città, con squadra, allenatore e dirigenti in qualche locale, tifosi in piazza e, forse, all’interno di San Siro, se ci saranno le condizioni adatte, altrimenti arriverà immediatamente il rompete le righe e arrivederci al raduno.

Fattore scaramanzia

Perché scaramanzia? Ieri sera era tanta la curiosità su ciò che avrebbero fatto i giocatori una volta conclusa la partita con l’Atalanta, sia nel caso del trionfo o comunque senza sconfitta. Staranno a San Siro a vedersi l’Inter oppure torneranno nell’hotel sede del ritiro? Tutti a casa fino alle 22.30 e poi si vede come è andata a Cagliari? Non c’è in realtà una grande letteratura a tal proposito, per il semplice motivo che a qualsiasi latitudine del mondo rossonero ha prevalso la scaramanzia. Ciò che davvero contava, la condizione essenziale, era soltanto strappare i punti alla Dea. E così, la Curva Sud, una volta uscita da San Siro ha sciolto tutti i ranghi.

Se ti piacciono le scommesse sportive, visita il sito di 22bet.co.com

Cena veloce per i rossoneri

Hanno preso strade diverse i giocatori rossoneri, dove la maggior parte ha lasciato lo stadio Meazza per conto proprio, chi facendo ritorno a casa e chi facendo tappa al ristorante, mentre alcuni di loro hanno preferito cenare all’interno del Meazza. Non più però di una decina di giocatori. Cena comunque veloce, non più di venti minuti-mezz’ora, buttando un occhio al primo tempo di Cagliari, per poi lasciare definitivamente uno stadio che ha dato spettacolo: e poteva andare bene così.

Tifosi scaramantici

Un po’ di scaramanzia anche tra i tifosi non può certo mancare. Ogni tifoso ha i propri riti, c’è chi crede fermamente nello Scudetto con spavalderia e chi fino alla conclusione del match non vuole neanche pronunciare questa parola. Lo stesso Milan non ha voluto organizzare nessun carosello o festeggiamento a tla proposito. Pioli e la squadra si sono focalizzati solo sul match contro il Sassuolo; ad oggi non si parla dunque di alcun festeggiamento, non solo a casa Milan, ma neanche in tutto il territorio lombardo. Soltanto domani potrebbe esserci la classica parata con il pullman scoperto, ovviamente per chi solleverà il trofeo dello Scudetto 2021-2022; e i più scaramantici sembrano ancora più contenti che non ci sia il maxi-schermo a Milano, perché non ci sono stati i tempi tecnici per organizzare il tutto. Se vuoi qualche consiglio riguardo a dove passare le vacanze estive, ecco alcune località balneari della Sardegna.

Author: Admin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.