La Città di Mantova

Visita e conosci la città

Fasti a corte Gonzaga: la raccolta di Isabella d’Este

Quando si parla dei gioielli dei Gonzaga, si pensa subito a palazzi, dipinti, opere d’arte  di grandi dimensioni, ma c’è un piccolo mondo prezioso, quello dell’oreficeria, in cui il casato ha saputo distinguersi, grazie ad Isabella d’Este.

I Gonzaga amanti del bello e dell’antico

A partire dal quattrocento, i Gonzaga incominciarono a dar vita ad una delle collezioni più celebri al mondo che, purtroppo, verrà smembrata da Carlo I Stuart tra il 1627 e il 1628 per far fronte alle spese dovute al declino della grande casata. A partire dal cardinale Francesco Gonzaga, continuando con Isabella d’Este e terminando con Vincenzo I Gonzaga, la famiglia ha raccolto tutto il meglio dell’arte orafa dell’epoca: pietre dure, argento, vetreria, naturalia e mirabilia.

Tra gemme d’immenso valore, sia antiche sia più recenti, spiccano delle vere e proprie opere d’arte in miniature: i cammei! Queste preziose opere erano realizzate con una perizia veramente inestimabile. Veniva utilizzata una tecnica di incisione su pietra o conchiglia ed erano raffigurati personaggi antichi o nobili. Tra tanti spicca, per la grande qualità artistica, il Cammeo Gonzaga, conservato presso il Museo Ermitage di San Pietroburgo. È un gioiello di notevoli dimensioni e contiene un ritratto doppio della coppia imperiale e apparteneva a Isabella d’Este. Oggi i cammei non sono più di moda ma su baogioielli.com si possono trovare molti altri gioielli di immane bellezza, come quelli che ornavano le nobildonne di casa Gonzaga.

Isabella d’Este: figura di spicco dei Gonzaga

Si deve proprio a lei l’arricchimento della collezione Gonzaga con pezzi di notevole interesse, ma chi era esattamente questa donna? Isabella d’Este, figlia di Ercole I d’Este ed Eleonora (figlia di Ferdinando I d’Aragona, Re di Napoli), nasce nel 1474 e dimostra fin da bambina di esser dotata di intelligenza straordinaria. Educata dai migliori insegnanti, mostrerà una gran cultura proprio a Mantova che la vedrà sposa, a soli 16 anni, del marchese di Mantova. Ricca di cultura, diplomazia, intelligenza e buongusto, trasforma subito la corte in un centro letterario ed artistico. Governerà con grande saggezza, riuscendo a destreggiarsi sempre tra alleanze, parentele guerre, scontri e smanie del papato e degli altri nobili, compreso il bramoso Cesare Borgia.

Nonostante lei fosse un bellissima donna e il marito, Francesco II Gonzaga, non certo affascinante, gli rimase sempre fedele anche dopo i continui tradimenti di lui e gli diede ben 9 figli. Lei affronta tutto con la cultura e ospita a corte politici, poeti, letterati, studiosi, musicisti. Tra gli amici più cari possiamo elencare Ariosto, Matteo Brandello, Tiziano, Leonardo da Vinci, Mantegna e Correggio che la definisce “la prima donna al mondo”.

Le spese della sua passione per l’arte e le cifre enormi spese per gioielli e vestiti, però, sono onerose e spesso richiedono la vendita di oggetti per essere ripianate. Le sue mise, in particolare, la rendono punto di riferimento della moda, la bellezza, il galateo e la cosmesi. Spesso i vestiti di Isabella, (i cui motivi ornamentali nascevano dalla creatività di Leonardo) venivano copiati dagli ambasciatori di vari re del mondo occidentale. La figura di Isabella, però, non è delle più linde poiché molti sostengono che la sua passione per le opere d’arte antiche la trasformavano in una donna spietata.

Leave comment

Your email address will not be published. Required fields are marked with *.